Dott.ssa Daniela Bartoli

Psicologia Clinica e Psicoterapia

L’incontro tra due persone, ma per estensione del concetto potremmo dire tra due esseri viventi (tanto del regno animale quanto del regno vegetale), per quanto fortuito e indipendentemente dalla durata, dal contesto e dalla forma di interazione che crea, genera una relazione. Quanto più le relazioni sono significative, tanto più ci cambiano. Gli effetti di tante relazioni nella nostra vita e soprattutto di come tali relazioni vengono rappresentate nella nostra mente, producono ciò che siamo e ciò che diveniamo, nel tempo, giorno dopo giorno.

Nasciamo all’interno di una relazione, cresciamo nelle relazioni, ci ammaliamo a causa delle relazioni e grazie ad una relazione terapeutica possiamo guarire.

Molti sono consapevoli che il volgere degli eventi può modificare la vita: ci si ricorda del bel film “Sliding doors”. A maggior ragione ciò accade quando, nel volgere di questi eventi, fanno ingresso le persone. La consapevolezza di tali incontri, viene considerata in maniera riflessiva: “L’incontro con quella persona, come mi riguarda?” oppure “Se avessi preso quella strada anziché l’altra, come sarebbe cambiata la mia vita?”.

Anche la psicoterapia è l’incontro tra due persone e come tanti incontri nella nostra vita provocano un cambiamento, per lo stesso principio la psicoterapia può cambiare la nostra vita, grazie ad un incontro che diviene significativo.

La Gestalt Relazionale enfatizza l’incontro con l’Altro e la relazione come strumento di cambiamento.

Le varie tecniche che vengono utilizzate nelle sedute di psicoterapia hanno come obiettivo quello di aggiungere o modificare il significato e il senso che attribuiamo agli eventi, facendo del percorso terapeutico un evento pregnante, in grado di catalizzare una reale trasformazione dell’individuo.

Contattami per un primo colloquio

Conosciamoci e cominciamo insieme un percorso terapeutico.
Scrivimi o chiamami subito.

Perché cominciare una psicoterapia?

Quando ci sentiamo molto preoccupati o molto “giù di corda”, senza che vi sia un motivo reale e contingente

Quando invece un motivo reale e contingente c’è stato e siamo stati sottoposti ad un evento particolare e importante (ad esempio un lutto, una separazione, un cambiamento inaspettato) e il disagio si protrae a lungo nel tempo senza che si riesca a risollevarsi

Quando facciamo fatica a concentrarci, a lavorare o studiare e non riusciamo più a trarre piacere dal contatto con le persone care

Quando abbiamo attacchi di panico o stati di ansia o angoscia ricorrenti e importanti

Quando ci accorgiamo di avere dei rituali (azioni, comportamenti e/o pensieri ricorrenti) che interferiscono nelle attività quotidiane: ad esempio lavarsi le mani ripetutamente, compiere alcuni gesti rituali prima di andare a letto, pensiamo in modo ossessivo ad una persona o ad un evento

Quando abbiamo un rapporto inadeguato con il cibo: ad esempio mangiamo troppo o troppo spesso e troppo poco ed il peso corporeo varia in modo significativo

Quando abbiamo una paura invalidante per un oggetto, un animale, una situazione che non sono oggettivamente pericolose per la nostra incolumità (fobie)

Quando siamo stressati e stanchi, insoddisfatti della nostra vita

Quando il nostro progetto di coppia o familiare, sta entrando in crisi o sta fallendo

Quando non abbiamo stima in noi stessi e ci sentiamo bloccati dal giudizio degli altri

Oppure semplicemente, quando abbiamo bisogno di chiarirci le idee perché ci sentiamo confusi ed abbiamo bisogno di un confronto con una persona esterna, che in modo professionale e disinteressato sappia aiutarci a capire cosa fare